Mass Story Viewing: lo spam che aumenta l’Engagement Rate

Vuoi aumentare l’Engagement Rate su Instagram ma non sai da che parte iniziare? Sei nel posto giusto. Grazie a questa guida ti spiego un tecnica praticamente infallibile: il Mass Story Viewing.

La visualizzazione di massa automatica delle storie ti permetterà di aumentare l’Engagement Rate su Instagram. Detto così non è molto chiaro, lo so benissimo, ma il concetto di base è molto semplice. Per fare bella figura, chiamerò questa tecnica: Mass Story Viewing.

ATTENZIONE: Sto parlando di un servizio non distribuito da Instagram. Raggiungibile da questo link. In ogni caso non mi assumo la responsabilità di eventuali diffusioni di dati sensibili.

helpig

Il Mass Story Viewing è una strategia ottima per tutti gli Instagrammer in fasce, e non. Devi sapere che chi dispone di numeri relativamente piccoli, e di conseguenza di pochi follower e pubblica storie non abitualmente, non verranno visualizzate da tantissime persone. Nell’ultimo periodo però, se hai provato ad analizzare il tuo profilo Instagram, avrai probabilmente visto un incremento di visualizzazioni nelle storie, specialmente da persone straniere.

Questa pratica funziona così: quando un utente nota molte visualizzazioni alle proprie storie, la prima cosa fa è analizzare chi ha visualizzato le stories. Noterà appunto queste persone straniere (o comunque utenti che non conosce o che non ha mai visto tra gli spettatori delle stories) e, se questo soddisfa i suoi interessi, è probabile che inizierà a seguire questi utenti.

L’unico obiettivo di questo Mass Story Viewing dunque, è quello di attirare la tua attenzione e motivarti ad andare a visitare quei profili un po’ sospetti. L’unica differenza tra questa tecnica di crescita e quella del follow/unfollow o dei commenti spam è che con la visualizzazione di massa delle storie non riceverai alcuna penalizzazione.

spam instagram stories

Il Mass Story Viewing è quindi a tutti gli effetti una sorta di spam, il quale è diventato estremamente sfruttato tra gli influencer.

Perché sfruttare il Mass Story Viewing?

Il motivo te  l’ho spiegato ad inizio articolo. Questa tecnica di spam ti permette di crescere su Instagram rapidamente aumentando il tuo Engagement Rate. A seconda della scelta del pubblico, il CTR aumenterà di conseguenza. Ergo, scegliendo con cura il target avrai più possibilità di ricevere nuovi follower realmente interessati ai tuoi contenuti.

Secondo chi ha testato questa pratica su profili Instagram ”morti” si sono ottenuti risultati incredibili. Dati alla mano, sembra infatti che: visualizzando solo 11000 storie impostando un preciso hashtag, si ottengono in media 89 visite del profilo, ovvero un CTR dello 0,8%. Inutile dire che selezionando il giusto pubblico si potrebbero ottenere risultati decisamente migliori. Lo screenshot qui sotto ti mostra il risultato della visione di 200 mila storie al giorno su un profilo “morto”.

gli effetti del mass story viewing

Come ti ho anticipato prima, chi usa questa pratica non è a rischio di sanzioni, ban o shadowban per via della visualizzazione di massa delle storie. Tuttavia, Instagram sta iniziando a prendere dei provvedimenti in merito: nel corso di queste settimane, il social ha infatti ridotto la capacità di visualizzazione delle storie a circa 200-300 mila al giorno, mentre prima si riuscivano a visualizzare giornalmente fino a 3 milioni di storie.

Vale la pena sfruttare il Mass Story Viewing?

Finché Instagram non prenderà provvedimenti seri, nei confronti di chi sfrutta questa pratica, assolutamente si. Ma con delle restrizioni:

  • Se sei un blogger o un imprenditore che punta alla crescita su Instagram, allora si, questa può essere una buona strategia di crescita;
  • Se sei un influencer importante o un marchio già affermato non è assolutamente il caso di visualizzare in massa le storie, anche perché potresti infastidire i tuoi fan.

come funziona il mass story viewing

Purtroppo una nota negativa in tutto questo c’è. Come tutti i servizi non ufficiali di Instagram, ti verrà chiesto di usare le vostre credenziali di accesso. Quindi, utilizzate il servizio a tuo rischio e pericolo.

Se leggendo questo articolo, hai deciso di difendere le tue storie da occhi indiscreti puoi farlo. Vi basterà infatti impostare il profilo come ”privato” oppure pubblicare le storie in modalità ”amici più stretti”. Così solo utenti da te selezionati potranno visualizzare le storie.

Cosa ne pensi di questa pratica sfruttata come metodo di crescita? Mi piacerebbe sentire la tua opinione, qua sotto nei commenti.

Luca Crocco

Piacere, mi chiamo Luca e sono un ragazzo che vive con le mani sulla tastiera cercando di capire come funziona il mondo dei Social Network. Dando ad altri qualche prezioso consiglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *